Verbi

Intransitivi Pronominali


I Verbi Riflessivi

ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Google Play Store Analisi Grammaticale Android gratis

Nell’ambito dei verbi Pronominali distinguiamo due grandi gruppi:

I verbi del primo gruppo si coniugano in modo simile alla coniugazione in forma Riflessiva dei verbi Transitivi, e sono spesso chiamati verbi Riflessivi.

Questa denominazione, per quanto comune, non è molto azzeccata, perché ingenera una certa confusione con i verbi transitivi coniugati in forma riflessiva. Una denominazione migliore, e anche maggiormente rispettosa del valore semantico di questi verbi, è quella di Pronominali Intransitivi, ad indicare che Agente e Paziente coincidono. Una deniminazione anche migliore, anche se ristretta ad un uso piuttosto specialistico, è quella di verbi Benefattivi.

Gli altri verbi, quelli in cui il pronome non si coniuga, li possiamo semplicemente chiamare verbi Pronominali.

I Verbi Intransitivi Pronominali: Altre Proprietà

I verbi Riflessivi compaiono in forma non enclitica solo nel Modo Infinito e Tempo Presente quando sono in combinazione con un verbo Modale, come nella frase mi fai sempre vergognare..., o nelle negazioni, come nella frase non ti vergognare!, ma sono sempre pronominali enclitici in tutti gli altri usi: senza il verbo modale anche al Modo Infinito e Tempo Presente sono enclitici, come nella frase di certi peccati non è facile pentirsi.

Attenzione che i verbi autenticamente Pronominali o non possono essere espressi senza la particella pronominale, come nel caso di abbarbicarsi, che privato del -si darebbe <*abbarbicare> che non esiste, o, se esiste un verbo analogo non pronominale, essa esprime un significato molto diverso

Spieghiamoci meglio con un esempio: risentirsi ha un significato assolutamente diverso da risentire, e la breve frase mi sono risentito, può significare che mi sono nuovamente ascoltato (come in mi sono risentito in quella vecchia registrazione) se il verbo coniugato fosse risentire, ma potrebbe significare che mi sono seriamente seccato se il verbo coniugato fosse risentirsi, come in mi sono risentito di quello che hai detto.

Un altro punto che è utile chiarire è il seguente: mentre per alcuni verbi non ci sono dubbi sul fatto che siano Pronominali Intransitivi (per esempio per il verbo pentirsi che non esiste nella forma senza pronome), per altri le cose non sono così chiare, o l'uso ne ha modificato la forma. Un ottimno esempio è il verbo arrampicarsi, che, quando usato per indicare una specialità sportiva diventa arrampicare, come in domenica vado ad arrampicare.

Mantieni il sito gratuito, segnalalo a Google®:
 o ai tuoi amici:
!
INDICE

è un prodotto accaTí / Archivium -- se avete suggerimenti, domande o proposte di collaborazione scriveteci: archivium.webmaster@gmail.com