i Verbi


I Verbi Riflessivi

ARCHIVIUM
strumenti
per una
educazione
migliore

Google Play Store Analisi Grammaticale Android gratis

Nell’ambito dei verbi Pronominali e Bipronominali distinguiamo due grandi gruppi:

I verbi del primo gruppo si coniugano in modo simile alla coniugazione in forma Riflessiva dei verbi Transitivi, e li chiamiamo pertanto verbi Riflessivi, mentre gli altri saranno verbi Pronominali propriamente detti. I verbi Bipronominali, per la presenza di due pronomi, avranno ovviamente la possibilità di situazioni miste: rimanendo con l’esempio del verbo darsela, esso è Pronominale Riflessivo sulla particella pronominale –se, mentre è Pronominale Proprio sulla particella pronominale –la: abbiamo infatti io me la do, tu te la dai, etc.

Questi verbi, sono Transitivi o Intransitivi?

Cominciamo con i verbi Riflessivi. Noi preferiamo collocarli in una loro categoria: infatti, da un lato si coniugano in una forma del tutto analoga alla forma Riflessiva dei verbi Transitivi, dall’altro non sono coniugabili al Passivo. Potremmo dire che è come se la loro transitività, ovvero una loro eventuale valenza di Paziente, fosse limitata al pronome riflessivo: quasi un caso particolare di verbi transitivi limitati, ma anche obbligati, a far coincidere Agente e Paziente.

Talvolta, con una, chiamiamola così, regoletta mnemonica, questi verbi vengono chiamati Riflessivi dicendo che la azione che essi esprimono si riflette sul soggetto. Noi ci dissociamo da questa spiegazione che troviamo troppo semantica per poter essere utilizzata in uno studio dei Verbi che privilegia l'aspetto formale, e preferiamo quindi chiamare Riflessiva la coniugazione dotata di un pronome personale che concorda con la persona della declinazione, e Riflessivi i verbi che ammettono solo questa forma di coniugazione.

I Verbi Riflessivi: Altre Proprietà

I verbi Riflessivi compaiono in forma non enclitica solo nel Modo Infinito e Tempo Presente quando sono in combinazione con un verbo Modale, come nella frase mi fai sempre vergognare..., o nelle negazioni, come nella frase non ti vergognare!, ma sono sempre pronominali enclitici in tutti gli altri usi: senza il verbo modale anche al Modo Infinito e Tempo Presente sono enclitici, come nella frase di certi peccati non è facile pentirsi.
attenzione che i verbi autenticamente Pronominali o non possono essere espressi senza la particella pronominale, come nel caso di abbarbicarsi, che privato del -si darebbe <*abbarbicare> che non esiste, o, se esiste una stringa alfabetica analoga non pronominale, essa esprime un significato molto diverso: ad esempio risentirsi ha un significato assolutamente diverso da risentire, e la breve frase mi sono risentito, può significare che mi sono nuovamente ascoltato (come in mi sono risentito in quello che dici) se il verbo coniugato fosse <risentire>, ma potrebbe significare che mi sono seriamente seccato se il verbo coniugato fosse <risentirsi>, (come in mi sono risentito di quello che hai detto).
un altro punto che è utile chiarire è il seguente: la comparsa di un pronome in una forma verbale non sempre indica la presenza di una forma Riflessiva. per esempio, l'analisi grammaticale di mi sono mangiato, cosa deve produrre? dipende, come spesso succede per l'analisi grammaticale, dal contesto: se uso questa forma verbale per esempio nella frase mi sono mangiato le mani abbiamo una forma riflessiva, ma nel contesto mi sono mangiato una pizza il <mi> non indica una forma riflessiva ma può essere considerato pleonastico o rafforzativo, spesso definito anche come affettivo.

Mantieni il sito gratuito, segnalalo a Google:
 o ai tuoi amici:
!

è un prodotto accaTí / Archivium -- se avete suggerimenti, domande o proposte di collaborazione scriveteci: archivium.webmaster@gmail.com